GUERRE STELLARI

 

 

 

 

Io so che siamo in tanti.

 

 

Io so che siamo in tanti a sentirci impotenti e che lo smarrimento ci spinge nelle braccia del silenzio e della paura.

 

 

Io so che siamo sull'orlo di guerre e precipizi.

 

 

Io so che i responsabili non sono i migranti.

 

 

Io so che essi sono vittime uguali a noi, soltanto hanno meno pane, meno acqua o più bombe sulla testa.

 

 

Io so che vengono usati per depistare la nostra rabbia.

 

 

Io so che l'accumulazione senza limiti della ricchezza e la volontà di potenza sono il vero altare del nostro tempo e che su questo altare sono sacrificati il bene comune, il futuro dell'umanità, ogni essenza autentica del Sacro.

 

 

Io, dunque, so chi sono i responsabili, e so che sono un'esigua minoranza con un potere schiacciante nelle mani.

 

 

Io so che tutto sfuggirà loro di mano e che a quel punto ci consegneranno al disastro.

 

 

Io so che ci sono donne ed uomini di buona volontà che operano per la pace e la giustizia nel mondo.

 

 

Ma so che sono ignorati dalla gran parte dei mezzi di comunicazione, mentre dei veri responsabili viene nascosto il volto e solo si odono i pifferai, amplificati giorno e notte.

 

 

Io so che le donne e gli uomini di buona volontà non si arrenderanno, ma so anche che da soli non ce la faranno.

 

 

Io so che c'è bisogno di tutti noi, del nostro cuore e non dei nostri istinti animali. Io so che c'è bisogno di una riflessione profonda, matura e consapevole.

 

 

Io so che occorre che ciascuno torni a pronunciare il proprio "NO" davanti a tutti, con la franchezza forte e disarmata delle persone miti.

 

 

Io so che c'è bisogno dell'unione perché nessuno ce la farà da solo.

 

 

So che la pace e la giustizia o saranno per tutti o per nessuno.

 

 

So che domattina potrebbe essere troppo tardi, posto che non lo sia già oggi.

 

 

 

                                Sandro Cianci 

 

 

P.S.: Care Amiche, cari Amici, confermiamo la nostra scelta di non utilizzare la nostra pagina facebook. I contributi di riflessione, le notizie, gli annunci, ecc., continueranno ad essere pubblicati, come avviene già da un mese, solo sul sito, salvo momenti o questioni eccezionali, come in questo caso. 

Il testo, in tutta evidenza e con molta modestia, echeggia un famoso quanto lontano scritto di Pasolini.

 

 

 

 

 

Dove Siamo

Seguici su...