Alle 10,25 del 2 agosto 1980 una parte cospicua della stazione ferroviaria di Bologna saltava in aria a causa di un attentato neofascista. La strage poneva fine, insieme, alla vita di 85 persone e ad un periodo di grande vitalità politica e civile durante il quale l’Italia aveva sperato di dare finalmente una risposta ad uno dei suoi più antichi problemi: la costituzione di una classe dirigente all’altezza del proprio compito.

 

In un articolo del 4 agosto 1980, Rossana Rossanda - a mio avviso una delle menti più lucide e preparate del nostro paese – offriva una lettura del retroterra profondo che quel tragico evento rivelava. Una lettura profetica che indicava e temeva l’Italia che stava nascendo, l’Italia che sarebbe venuta, l’Italia che oggi è davanti ai nostri occhi e che non abbiamo saputo scongiurare.

Riporto stralci di quell’articolo:

Il burattinaio di questa strage “sta molto più lontano di un servizio segreto – sta nell’ondata profonda di destra come annullamento del senso della vita personale e collettiva, suggerito dagli ultimi frutti del capitalismo e dei suoi imitatori: la produzione di morte, la scienza di morte, l’oscurità delle repressioni, l’azzeramento del valore dell’uomo.

(…) Chi ha deposto quella borsa nera fra la povera gente a Bologna (…) rinvia a uno stato infiammatorio acuto del paese (…) Questo orrore, che in forme diverse, da anni ormai ci attraversa, è il frutto di una perdita di senso della vita individuale e collettiva (…) Non ci salveremo senza ricostruire nel lavoro, nei rapporti fra gli uomini, nella persona, una forma diversa, un diverso modo di essere e di comunicare (…)

Quando sabato Bologna si è rovesciata fuori dalle case (…) ha salvato i vivi, ha raccolto i morti, ordinata e autonoma, generosa e furente, efficiente e politica, rossa e esperta, non ha mostrato di essere una gente capace di governarsi e governare, superando i confini in cui gira attorno a se stessa e si rattrappisce la vecchia sfera politica? Se oggi (…) si chiederà: che fare? come?, forse la vera risposta è: essere come sabato. Prendere nelle proprie mani non solo gli interrogativi della distruzione e della morte, ma quelli della vita e della trasformazione; esigere che le siano riconsegnati.

Non sarà una strada breve, ma è l’unica non cieca. Per non averlo capito l’Italia è ammalata, è ingovernabile, secerne veleni, e la sinistra si ammala di essa. Dal capirlo può venire la salvezza; nessun altro ce la darà. Bologna lo dimostra”.

                                                                                                       Rossana Rossanda

                                                                  (editoriale di prima pagina da “il manifesto” del 4 agosto 1980)

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    Sandro Cianci